Nicchi: "Si rischia nuova Calciopoli"

di Redazione Vocegiallorossa
Fonte: ANSA
articolo letto 11691 volte
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - ROMA, 16 APR - "Minare l'indipendenza e la terzietà della classe arbitrale potrebbe significare l'inizio di una nuova Calciopoli". Marcello Nicchi, presidente Aia, prospetta "scenari nefasti", nel caso l'associazione arbitri perdesse il suo 2% di diritto di voto in assemblea, se la Figc recepirà i principi informatori degli statuti federali approvati dal Consiglio nazionale Coni. "Lo sciopero? Io faccio di tutto per calmare gli arbitri - ha aggiunto - ma se un giorno qualcuno arriverà al campo e non troverà l'arbitro non si sorprenda". "L'arbitro deve votare perché è un principio democratico", ha aggiunto Nicchi a 'Radio anch'io sport'. "Qualcuno vuole mettere le mano sugli arbitri: il 2% è un'attribuzione residuale. A chi gioverebbe questa decisione, se non alla serie A che non ci vuole riconoscere questo diritto, come del resto dichiarato dal commissario Malagò? - ha aggiunto Nicchi - . Tutte le altre componenti sono a nostro favore. Mettere le mani sugli arbitri significherebbe che ognuno dice la sua".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI