SEZIONI NOTIZIE TMW RADIO

Poco estro e poco starpower: così la lotta Champions è ancora più dura

di Gabriele Chiocchio
Fonte: L'editoriale di Gabriele Chiocchio
Vedi letture
Foto

Ci siamo messi alle spalle praticamente metà della stagione 2020/2021; un tempo sufficientemente lungo perché i vari trend dell’annata possano assumere un vero e proprio significato e non essere derubricati esclusivamente a “casi”. Inutile dire che il trend di cui si parla di più in casa Roma è negativo ed è quello del rendimento dei giallorossi nelle grandi partite, fortemente deficitario come confermato dal pesante KO nel derby. In queste gare la Roma non è quasi mai riuscita a imporre la sua identità e questo è testimoniato dalla scarsissima produzione offensiva messa in campo soprattutto contro formazioni più quadrate e dure difensivamente, come Napoli, Atalanta, Inter e Lazio. L’identità la dà l’allenatore, ed è giusto parlare di Paulo Fonseca, arrivati a un anno e mezzo di gestione da parte del portoghese. Che ha indubbiamente dimostrato di non essere un allenatore scarso, sotto vari aspetti: è riuscito a migliorare diversi elementi considerati poco utili, si è rivelato aperto mentalmente, non ha mai peccato nella comunicazione (aspetto secondario, ma parimenti da valutare) e la classifica, nonostante la sconfitta nella stracittadina, vede i giallorossi ancora in piena lotta per i primi quattro posti. Quello che sembra mancare al tecnico è un po’ di estro: Fonseca sembra attingere, di gara in gara, da una sorta di playbook, anche piuttosto raffinato e che denota dello studio del gioco di un certo livello, ma non riesce a uscirne per trovare soluzioni quando le cose non si mettono bene. Che non significa (o, almeno, non significa solamente) ritardare troppo le sostituzioni o addirittura rinunciarvi, ma non trovare un modo per stabilire - o ristabilire - quel controllo della partita senza il quale la Roma rischia di subire da squadre di ogni angolo della classifica: facile pensare ai lunghi minuti di Roma-Inter, ma anche Cagliari e Torino, compagini che vivono momenti di grandi difficoltà, hanno avuto tratti delle loro gare dell’Olimpico in cui sono state in grado di spaventare, in potenza e in atto, i giallorossi. Poi, ci sono i giocatori, perché se l’allenatore non è in grado, da solo, di alzare la statura della sua squadra, allora ci deve pensare chi ha il pedigree per caricarsi la squadra sulle spalle. La Roma di questi giocatori ne ha appena tre: Džeko, Pedro e Mkhitaryan, nessuno di loro nell’apice della carriera e, quindi, fisiologicamente capace di tirare la carretta da solo per periodi troppo prolungati. Per il resto, la rosa è composta da calciatori di rendimento medio anche oltre la soglia della sufficienza, ma non dotati di picchi di personalità e qualità sufficienti per far girare da soli una gara di un certo livello. Anche in passato la Roma, come squadra, forniva prestazioni collettive non eccellenti; la differenza è che con il suo starpower era più volte riuscita a nascondere la polvere sotto al tappeto, cosa che quest’anno non si riesce a fare. La cosa, di per sé, è un guaio fino a un certo punto: l’affidabilità, fino a questo momento, non è mai stata un problema, ma la stagione è ancora molto lunga e venire meno anche in regolarità significherebbe perdere anche i presupposti per tentare l’aggancio alla Champions League.

Altre notizie
Sabato 27 febbraio 2021
13:34 Calciomercato Scattati gli obblighi di riscatto per Kumbulla e Reynolds 13:19 Social Borja Mayoral incontra un bambino affetto da diabete. VIDEO! 13:17 Covid-19 LIVE COVID-19 - Sardegna prima zona bianca d'Italia. Prorogato il lockdown nelle Filippine. Lazio, superati i 400.000 vaccini. In Costa Azzurra il focolaio più grande d'Europa. VIDEO! 13:03 Primo piano De Rossi: ​​​​​​​"Mi piacerebbe allenare la Roma, ma cerco sempre di non parlarne perché so che le mie parole hanno un peso. Pellegrini e Immobile? Dobbiamo essere furbi ad evitare qualche scocciatura" 13:00 Europa League L'avversario - Europa League, punti di forza e punti deboli dello Shakhtar Donetsk
12:50 Editoriale L'orchestra, i solisti e le note stonate 12:30 Serie A LIVE FORMAZIONI - Juventus, emergenza difesa, anche Morata fuori dai convocati. Inter, chance per Darmian. Roma, Jesus titolare? Milan, out Mandzukic e Bennacer. Atalanta, Muriel in avanti 12:00 Primo piano Il filo di Roma-Milan: Ciprian Tatarusanu 11:45 Esclusive ESCLUSIVA VG - Shevchenko: "Lo Shakhtar di tre anni fa era più forte di questo. In Ucraina ci sono i tifosi allo stadio, possono dare energie ai calciatori. Sicuramente Fonseca conosce bene lo Shakhtar e il suo tecnico Castro". VIDEO! 11:30 Primo piano 26 marzo 2014-26 febbraio 2021: c'era una volta lo Stadio della Roma. Tutte le tappe del progetto. VIDEO! 11:00 Primo piano Diamo i numeri - Roma-Milan: la migliore squadra in casa affronta la migliore squadra in trasferta 10:52 Altre notizie Tancredi: "Fonseca mi piace molto, credo che la Roma possa arrivare in Champions. Pelizzoli è il portiere che è migliorato di più con me" 10:45 Altre notizie Cassano: "Fonseca mi piace, a inizio stagione il quarto posto per la Roma era considerato un capolavoro" 10:00 Primo piano #IlMiglioreVG - El Shaarawy è il man of the match di Roma-Braga 3-1. GRAFICA! 09:45 Primo piano Accadde oggi - Gomez: "Sono stato vicino alla Roma". Sabatini: "Ci stiamo consegnando alla mediocrità". De Rossi: "Batistuta portò una luce meravigliosa" 08:51 Altre notizie Empoli Ladies, Polli: "La Roma è una squadra molto forte, ma cercheremo di dare il meglio". VIDEO! 08:43 Roma Femminile Roma Femminile, Giugliano: "L'Empoli è una squadra molto forte, sarà una gran partita. Segnare con questa maglia è un onore". VIDEO! 08:37 Altre notizie Bundesliga - Werder Brema-Eintracht Francoforte 2-1, vittoria in rimonta per i padroni di casa. VIDEO! 08:31 Primo piano Mayoral miglior marcatore spagnolo della Roma in una singola stagione 08:24 Società COMUNICATO AS ROMA - Indebitamento netto del gruppo a 269 milioni di euro, 75 milioni di perdita nei primi sei mesi dell'esercizio